Regalare una pianta grassa a San Valentino: Consigli e Idee Regalo

Tempo di lettura: 3 minuti
La festa degli innamorati per eccellenza si avvicina. Ognuno di noi desidera regalare qualcosa che stupisca, alcuni preferisco fare un regalo tradizionale altri preferiscono un pensiero originale o anche stravagante. La scelta ricade spesso su piante e fiori. Le tradizionali rose, seppur bellissime, a volte non soddisfano i nostri desideri di stupire e rallegrare la persona amata in quanto possono risultare molto banali specie se le abbiamo già regalate negli anni precedenti. Sul concetto di amore ognuno di noi ha un punto di vista diverso basato sulle proprie esperienze, ma sicuramente quando vogliamo fare un dono al nostro partner concordiamo tutti sul fatto che desideriamo renderli felice. Noi oggi vi offriremo tre idee per ottenere l’obiettivo: far felice la persona del vostro cuore.

La festa degli innamorati per eccellenza si avvicina. Ognuno di noi desidera regalare qualcosa che stupisca, alcuni preferisco fare un regalo tradizionale altri preferiscono un pensiero originale o anche stravagante. La scelta ricade spesso su piante e fiori. Le tradizionali rose, seppur bellissime, a volte non soddisfano i nostri desideri di stupire e rallegrare la persona amata in quanto possono risultare molto banali specie se le abbiamo già regalate negli anni precedenti.
Sul concetto di amore ognuno di noi ha un punto di vista diverso basato sulle proprie esperienze, ma sicuramente quando vogliamo fare un dono al nostro partner concordiamo tutti sul fatto che desideriamo renderli felice. Noi oggi vi offriremo tre idee per ottenere l’obiettivo: far felice la persona del vostro cuore.

Perché si regalano le piante grasse

In generale regalare una pianta grassa ha sempre un significato molto profondo, queste piante simboleggiano la forza, la perseveranza, la fedeltà ed il sentimento duraturo destinato a resistere nel tempo.
Le piante grasse possono avere diversi significati a seconda del genere e delle loro caratteristiche; quasi tutte rappresentano resilienza e robustezza essendo capaci di vivere e prosperare in condizioni e climi avversi. Chi regala una pianta grassa desidera augurare all’amat* o all’amic* protezione e sicurezza dai pericoli della vita, forza ed energia per oltrepassare gli ostacoli.
Ma non è finita qui ! Finora abbiamo illustrato simboli che vanno bene anche per un regalo ai propri genitori e/o amici. In realtà alcune specifiche piante grasse o composizioni sono ideali per la festa di San Valentino e degli innamorati.

San Valentino e le piante sempreverdi

Le piante grasse sono SEMPREVERDI così come l’amore verso il vostro partner. Simbolo di un amore sempre “vivo”, sempre alimentato che dura nel tempo. Regalare una pianta grassa a San Valentino vuol dire voler prendersi cura dell’altro ed esprime la consapevolezza di un amore profondo e duraturo fatto di gesti, pensieri e parole che accudiscano e rallegrino lo stato dall’animo dell’amato partner.

Le piante grasse simbolo di S. Valentino

Le piante grasse da regalare a San Valentino

Il 14 febbraio può essere occasione per ribadire quanto conti per noi l’Amore, il sorriso e il benessere della persona amata. Le piante sono degli esseri viventi, non sono solo oggetti decorativi. Le piante prosperano per le attenzioni che voi gli dedicate, senza le quali perderebbero vigore fino a morire. Per questi motivi regalare alcuni tipi di piante grasse a San Valentino rappresenta un messaggio completo e profondo. Abbiamo scelto per voi tre regali perfetti per il 14 febbraio.

Hoya kerrii: la pianta del cuore

Con la sua caratteristica foglia a forma di cuore, la Hoya Kerrii è la pianta simbolo di San Valentino. Un regalo perfetto per la persona amata, non solo per il suo aspetto romantico, ma anche per il suo significato profondo.
Conosciuta anche come “pianta del cuore”, la Hoya Kerrii è originaria dell’Asia sudorientale. Le sue foglie carnose e di un verde intenso sono a forma di cuore, con una caratteristica fossetta al centro. La pianta è facile da coltivare e richiede poche cure, rendendola un regalo ideale anche per chi non ha il pollice verde.
Oltre al suo aspetto affascinante, la Hoya Kerrii ha un significato simbolico molto profondo.: la forma di cuore delle foglie rappresenta l’amore eterno e la devozione. Inoltre, la pianta è considerata un portafortuna per l’amore e la felicità.
Se stai cercando un regalo originale e significativo per San Valentino, la Hoya Kerrii è la scelta perfetta. Un regalo che non solo durerà nel tempo, ma che crescerà e fiorirà, simboleggiando il vostro amore.

Se ti interessa saperne di più sulla sua coltivazione ecco un link utile:
Hoya Kerrii: la pianta a forma di cuore

Crassula ovata: un regalo di San Valentino portafortuna

Nella tradizione cinese, la Crassula Ovata, conosciuta anche come “Albero di Giada”, è simbolo di prosperità, fortuna e ricchezza. Le sue foglie carnose e rotondeggianti, simili a monete, evocano l’abbondanza e la crescita materiale. Proprio per questo motivo, la Crassula Ovata si rivela un regalo perfetto per la festa di San Valentino, un dono originale e di buon auspicio per la persona amata.
Oltre al significato di prosperità, l’Albero di Giada rappresenta anche l’amore duraturo e la fedeltà. Le sue foglie, disposte a coppie lungo i rami, simboleggiano l’unione e la complicità tra due persone. La sua resistenza e la sua capacità di adattarsi a diverse condizioni ambientali sono inoltre una metafora della forza e della perseveranza dell’amore, capace di superare ostacoli e avversità. Regalare una Crassula Ovata a San Valentino significa quindi donare un augurio di amore, fortuna e benessere per il futuro. Un regalo che non solo impreziosisce la casa con la sua bellezza naturale, ma che porta con sé un messaggio di speranza e positività.
Un consiglio: abbellite la Crassula Ovata in un vaso elegante e decorate con un nastro rosso o un biglietto personalizzato con una dedica speciale per la vostra dolce metà. Un regalo semplice, ma di sicuro effetto, che renderà San Valentino un giorno ancora più memorabile.

Se ti interessa saperne di più sulla sua coltivazione ecco un link utile:
Come coltivare e curare la Crassula Ovata

SpillyCactus Gift Box – “I love cactus”

SpillyCactus gift box “I love cactus” è una scatola in cartone con stampa dedicata contenente piantine che, a vostra scelta, può essere: cactus, succulente o mista e viene rifinita con cuoricini e profumo. E’ un regalo perfetto per San Valentino perché porta il messaggio di crescere e coltivare le piantine come l’ amore o il sentimento che volete festeggiare. Può essere un regalo spiritoso specialmente se abbinato a un biglietto che spieghi all’amata o all’amato che le spine, presenti anche nelle classiche rose, fan parte della vita ma nonostante questo il vostro amore è forte.
Se scegliete il box con i cactus trovate il modo, magari nel biglietto, di far presente al vostro partner che nel linguaggio dei fiori il cactus simboleggia fedeltà e sentimento duraturo: ricordandogli che il vostro sentimento non è passeggero, ma durerà per sempre!

Le piante grasse più originali per S. Valentino

Cenni storici e leggenda su San Valentino

San Valentino è una festa che, dicono le fonti storiche, ha cominciato a diventare un rito circa 600 anni fa in primis in Francia poi in Italia, fino ad arrivare ai giorni nostri in cui è una festa diffusa in quasi tutte le parti del mondo. Le vicende del santo degli innamorati sono intrise di mistero e leggenda.

Ma chi era Valentino? Perché è il patrono degli innamorati?

Valentino era un vescovo martire nato a Interamna Nahars, l’attuale Terni, vissuto nel terzo secolo a.C., probabilmente morto il 14 febbraio. Buona parte della storia di San Valentino è un mistero. I testi storici riportano che è stato venerato come santo dalla Chiesa cattolica, da quella ortodossa e successivamente dalla Chiesa anglicana, è considerato patrono degli innamorati e protettore degli epilettici. Secondo la leggenda, fu scelto come patrono degli innamorati perché fu il primo a celebrare l’unione tra un legionario romano e una donna cristiana. In quel periodo l’imperatore Claudio II decise che in guerra dovevano andare soltanto i celibi, pertanto abolì il matrimonio e i fidanzamenti per i ragazzi in età di leva. Il sacerdote cristiano Valentino, si oppose all’Imperatore e celebrò, un 14 febbraio, un matrimonio tra una donna cristiana e un centurione romano. In altri testi questa leggenda ha sfumature differenti: si narra di un Vescovo di Terni di nome San Valentino, che celebrò il matrimonio tra Serapia, giovane cristiana molto malata, ed il centurione romano Sabino. I genitori della ragazza non erano favorevoli al matrimonio, ma Valentino, chiamato dal soldato al capezzale della ragazza, battezzò il centurione e poi celebrò le nozze. L’imperatore Claudio II lo scoprì e lo condannò a morte.
Secondo una variante della storia, invece, San Valentino avrebbe fatto tornare l’amore tra i due giovani facendo volare intorno a loro diverse coppie di piccioni. Da qui si sarebbe diffusa anche l’espressione “piccioncini” per riferirsi alle coppie di innamorati che si scambiano effusioni d’amore.
Ma non è finita qui. In altri testi si narra che il Santo avrebbe donato a una fanciulla povera una somma di denaro necessaria come dote per il suo sposalizio. Il generoso dono – frutto di amore e finalizzato all’amore – avrebbe dunque creato la tradizione di considerare il santo vescovo Valentino come il protettore degli innamorati.
E’ indubbio che il Vescovo Valentino poi nominato Santo operò sempre a favore dell’Amore e per questo fu istituita la festa di San Valentino – giornata dedicata agli Innamorati – il 14 febbraio.

Condividi questo articolo
La storia continua...
Tephrocactus Geometricus: guida completa alla cura e alla coltivazione

Il Tephrocactus geometricus è un cactus molto ricercato dagli appassionati per la sua bellezza ed il suo fascino particolare. Originario delle Ande argentine, questo piccolo gioiello vanta fusti compatti con una crescita lenta, caratterizzati dalla forma globulare o semiglobulare e le fioriture uniche e bellissime.

Balconi da sogno senza fatica con le piante grasse

Sogni un balcone fiorito e rigoglioso, che sia un piccolo angolo di paradiso da godersi in ogni momento dell’anno? Le piante grasse succulenti sono la risposta perfetta! Queste affascinanti creature vegetali, con la loro resistenza, la varietà di forme e colori e la minima richiesta di cure, sono ideali per creare giardini in miniatura sui nostri davanzali. In questo articolo, ti guideremo alla scoperta delle piante grasse più adatte al balcone, svelandoti i segreti per coltivarle con successo e trasformare così il tuo spazio esterno in un’oasi di bellezza.

Delosperma: Pianta Grassa Perfetta per Giardini Rocciosi Fioriere e Principianti

La pianta Delosperma, con i suoi fiori dai colori vivaci e la sua capacità di adattarsi a diversi ambienti, si distingue come una scelta affascinante e versatile. Il Delosperma è una pianta succulenta nana tappezzante che si trova perfettamente a suo agio su terreni secchi o rocciosi e nelle zone di mare e presenta una buona resistenza anche al freddo. Si tratta di una delle piante grasse sempreverdi più fiorenti ossia con la capacità di produrre numerosissimi fiori.